Il magico ombrello Maglia

Il magico ombrello Maglia

Foto realizzate da Davide Bordogna, ombrellificio Maglia.

Da Maglia a l’ombrello il passo è breve e comincia nel lontano 1854.

Mentre a Londra un’epidemia di colera crea più di 10.000 morti e i due ingegneri Barsanti e Matteucci depositano nella stessa città il brevetto del primo motore a scoppio, in un piccolo paesino bresciano il 18enne Francesco Maglia, decide che quella sarebbe stata la sua missione: creare ombrelli di lusso per la borghesia e i Reali di tutto il mondo a cominciare dalla Regina Vittoria.

La storia merita di essere approfondita e faccio una breve ricerca, scoprendo che nel 1873 l’ombrellificio si trasferisce a Milano.

Francesco Maglia mi accoglie con formale entusiasmo, tipico atteggiamento di personalità d’altri tempi.
E’ un signore molto alto e distinto che ha la particolarità di indossare giacche senza revers e papillons creati dalle cravatte che ha ricevuto in regalo nel corso degli anni dai suoi clienti sparsi per il mondo.

In quell’ambiente il tempo pare essersi fermato e me ne rendo conto quando Francesco, il nipote di Francesco, decide di farmi vedere come si costruisce un vero ombrello fatto a mano.

Francesco!” Esorto con manifestato entusiasmo

Ogni vostra creazione è unica e fatta su misura, con materiali eleganti, classici e di qualsiasi colore si voglia.
Ma se ogni tuo ombrello potesse parlare, cosa direbbe al proprietario
?”

chiedo a Francesco Maglia zio di Francesco Maglia

Gli farebbe i complimenti!”
E perché mai?”
Perché hanno avuto il coraggio di scegliere un ombrello di pregiata fattura in un periodo storico dove ormai tale cultura è decaduta.”

“Francesco!”
Riesorto con manifestato entusiasmo e rivolgendomi questa volta a Francesco, nipote di Francesco.

Ma chi di voi è il vero Francesco Maglia?”
Ognuno” Mi risponde.
E poi aggiunge:

E’ dal 1854 che per ogni generazione il primo maschio di famiglia viene chiamato Francesco e io, appartengo alla sesta.”

Da quel momento smetto di parlare e chiedere.

Decido di ascoltare i Maglia e respirare l’aria che mi arriva da quel 1854 attraverso le foto, le testimonianze e i documenti dell’epoca che Francesco e Francesco mi mostrano.
Esco e penso che vale la pena di fare altrettanto dopo avere letto e ammirato le immagini.
Chiudete gli occhi e fatevi accompagnare dai loro magici ombrelli nella residenza della Regina Vittoria e in quelle dei Reali di tutto il mondo.

 

Dandy E.

*/ ?>