Bahamas: come lasciarsi affascinare da una terra favolosa.

Lo scorso inverno, sapendo quanto rigido sarebbe stato il freddo a New York, avrei voluto organizzare un viaggio in una meta calda. Immaginavo una tappa al caldo prima di rientrare a Milano. Le possibilità però erano davvero tantissime, da New York infatti è facile raggiungere diverse città nei Caraibi o in America Latina. La fantasia di certo non ci mancava e le ricerche fatte son state tantissime! Una delle nostre mete preferite erano le Bahamas.

Bahamas: cosa vedere e cosa fare.

Le circa 700 isole che compongo l’arcipelago offrono tantissimi luoghi paradisiaci da vedere e attività eccezionali da fare. Qualsiasi sia il tipo di vacanza che si ama, le Bahamas possono soddisfare tutte le richieste.

Se ad Aruba è possibile fare il bagno con degli eleganti fenicotteri, ad accogliervi in una delle spiagge più bianche delle Bahamas –Big Major Cay Island– saranno dei bellissimi e super socievoli maialini. Non è fantastico?

Ovviamente anche queste isole ospitano animali bellissimi, come fenicotteri ad altre specie di volatili che forse a Milano non sono così usuali. Basterà recarvi alla riserva naturale per ammirarli. Lo spettacolo vi lascerà a bocca aperta.

Se volete invece dedicarvi ad attività sportive, immancabili saranno le immersioni per ammirare una delle barriere coralline più belle del mondo oppure squali e delfini. Sarà sufficiente decidere se dedicarvi alla flora o alla fauna.

Bahamas: musei, shopping e vita notturna.

Un Black Sails addicted sa che Nassau, la capitale, era una città di pirati -non un luogo qualunque come base! Non mancano quindi musei dedicati alla pirateria, ma nemmeno storiche attrazioni come la cattedrale della città e le formazioni rocciose subacquee chiamate “Bimini Road”. Qualcuno afferma siano le rovine della città di Atlantide. Non è affascinante? Dal punto di vista architettonico poi, rimarrete colpiti delle coloratissime case in stile coloniale e dalla Queen’s Staircase, una imponente -e quasi infinita- scalinata lavorata a mano, che in cima ripaga della fatica fatta per scalarla, regalando un panorama mozzafiato.

Per quanto riguarda lo shopping, le possibilità sono molteplici, ma in terre come queste, non si può non sbirciare tra le bancarelle dei mercati e tra i negozietti locali che popolano il lungo mare. I tesori scovati potrebbero essere preziosissimi e soprattutto unici.

La vita notturna poi è tutt’altro che scontata. La scelta è tanta e può accontentare tutti i gusti. Che vogliate un drink sulla spiaggia, una festa in riva al mare o un locale chic, le isole vi accontenteranno. E perché no, magari potreste dedicarvi ogni sera ad un’esperienza nuova. Nuova sera, nuovo locale ed isola. Un tour alcolico e molto alternativo!

Periodo migliore.

Quando si scelgono queste mete, la domanda è sempre la stessa perché il periodo incide molto. Dunque, Bahamas: quando andare? Il Magazine di Club Med, dopo diverse ricerche, è stato fondamentale. Sul sito ho infatti trovato un’ottima guida per capire quali siano i periodi migliori per visitare l’arcipelago.

Pur essendo un arcipelago dei Caraibi, il periodo migliore per visitare questi luoghi è tra Dicembre e Aprile, quando il clima è più secco e di conseguenza le temperature più gradevoli. Il periodo vi regalerà un break del freddo cittadino e momenti di relax in un luogo da sogno.

 

Questi sono solo alcuni dei motivi che mi avevano spinta a selezionare le Bahamas, un luogo magico e a tratti incontaminato. E ripensando a queste ricerche fatte, la tentazione di prenotare per il prossimo inverno è tantissima!

 

 

 

 

*/ ?>